Studio di Fisioterapia Aurelia Roma | Tecarterapia a Roma | Laserterapia a Roma

Sindrome del muscolo piriformeLa sindrome del muscolo piriforme fa parte delle cosiddette neuropatie da intrappolamento, ovvero quelle patologie nelle quali un nervo risulta bloccato o serrato tra una superficie ossea rigida e un tendine o un gruppo muscolare, con il rischio di rimanerne danneggiato o di infiammarsi. La sindrome del piriforme inquadra una situazione analoga, nella quale è il muscolo omonimo a comprimere il nervo sciatico provocandone l'infiammazione. Non è facile individuare questa condizione, poiché i sintomi appaiono molto simili a quelli di altre patologie affini.

Il piriforme è un muscolo situato nell'anca e più precisamente nella sua parte più profonda, al di sotto del gluteo. Ha forma triangolare e si origina dal bordo laterale del sacro e va ad inserirsi sul grande trocantere. La sua funzione principale è permettere al femore di ruotare all'esterno e tenerlo in abduzione, ovvero allontanarlo dall'asse del corpo. Il nervo sciatico, invece è un vero e proprio collegamento elettrico che dalle ultime vertebre lombari va ad innervare tutta la gamba fino al piede e nel suo tratto superiore viene a trovarsi al di sotto del muscolo piriforme. In questi casi il centro di fisioterapia Aurelia Fisioglobe consiglia un approccio conservativo.

Cause e fattori di rischio

La compressione del nervo sciatico può essere legata a vari fattori, tra cui alterazioni congenite della forma del nervo o del muscolo piriforme, presenza di traumi al gluteo con ematomi e tessuti cicatriziali, ipertrofia del piriforme in seguito ad una stimolazione eccessiva, iniezioni intramuscolari sbagliate, interventi chirurgici al femore, dismetria degli arti inferiori, postura non corretta.

Fra i principali fattori di rischio in grado di indurre questa patologia figurano: l'appartenenza al genere femminile (in questo caso la patologia sarebbe legata ad un'ampiezza maggiore del bacino, caratteristica fisiologica delle donne), l'età adulta (in genere la sindrome del piriforme viene diagnosticata dopo i 38 anni), presenza di traumi pregressi, alcuni sport quali equitazione, ciclismo, corsa e canottaggio (i quali esasperano la stimolazione del muscolo in questione e provocano urti e traumi in grado di scatenare l'infiammazione).

Onde prevenire l'insorgenza di un'infiammazione che può peggiorare la vita e la deambulazione di chi ne è affetto, è necessario assumere alcuni comportamenti in grado di ridurne il rischio. A tal proposito, possono rivelarsi molto utili alcune semplici abitudini, quali evitare di tenere il portafogli nella tasca posteriore dei pantaloni (soprattutto quando si sta seduti), usare scarpe adeguate all'attività sportiva praticata, assumere una postura corretta sia in piedi che da seduti, eseguire il riscaldamento prima di praticare qualsiasi tipo di sport.

Sintomatologia

I sintomi più comuni della sindrome del muscolo piriforme riguardano: un forte dolore al gluteo e alla natica, che può ricordare quello della sciatalgia (si irradia dalla natica alla coscia, fino a raggiungere polpaccio e piede e tende ad esacerbarsi in posizione accovacciata o da seduti); intorpidimento; compromissione della sensibilità e formicolio; riduzione della forza nei casi più avanzati; scarsa mobilità al livello dell'anca. Da sottolineare che la sindrome del piriforme a differenza della vera e propria sciatalgia, tende a irradiare il fastidio, il dolore ed il formicolio solo fino all’altezza del ginocchio e non oltre, senza arrivare fino al piede.

Nei casi più gravi l'intrappolamento può coinvolgere anche il nervo pudendo (anch'esso situato all'interno dell'anca). In tal caso, il formicolio e il dolore (che sopraggiunge in un secondo momento) si irradiano fino all'inguine e al cavallo e coinvolgono tutta la muscolatura degli sfinteri anali e vescicali, provocando incontinenza ed alcuni problemi legati alla sfera sessuali (impotenza nell'uomo e dispareunia nella donna, ovvero dolore durante il rapporto sessuale).

Diagnosi e rimedi per la sindrome del muscolo piriforme

La diagnosi è clinica e va formulata dopo aver escluso le patologie che presentano una sintomatologia simile. Oltre alla valutazione dei sintomi potrebbero essere utili alcune manovre, a cui la maggior parte dei pazienti affetti dalla sindrome del piriforme riporta esito positivo. Onde escludere altre patologie, il paziente può essere sottoposto anche ad alcuni esami di neuro-radiologia, che la risonanza magnetica e la TAC. La sindrome del piriforme, infatti, deve essere distinta dalle condizioni in grado di provocare un dolore analogo, tra cui l'ernia al disco, la borsite trocanterica, l'osteocondrosi lombare, la spondilolistesi (lo scivolamento di una vertebra in avanti), l'infiammazione dell'articolazione sacro-iliaca.

È fondamentale effettuare una diagnosi approfondita e corretta, utilizzando i giusti test e i giusti esami strumentali per non incorrere nell’errore, purtroppo molto frequente, di non individuare realmente il problema e trattarlo per quello che non è, quindi ovviamente senza ottenere risultati.

Per questo è fondamentale poter contare sullo studio di fisioterapia Aurelia Fisioglobe, uno studio di fisioterapia Roma di riferimento, che è in grado di consigliarvi il miglior iter di valutazione e cura e sa seguire il paziente nel miglior modo possibile dalla fase identificativa del problema fino alla completa risoluzione.

Per trattare la sindrome del muscolo piriforme, lo studio di fisioterapia Aurelia Fisioglobe a Roma raccomanda di agire solo in maniera conservativa, consigliando al paziente di sottoporsi ad alcune sedute terapeutiche in grado di ridurre l’infiammazione ed il dolore e soprattutto capaci di evitare eventuali ricadute. Inoltre, è necessario non esagerare con l'assunzione di antinfiammatori, farmaci miorilassanti ed analgesici, ricorrendovi soltanto in caso di dolore forte e persistente.

Lo studio di fisioterapia a Roma concorda la terapia più adatta con il paziente, nel pieno rispetto delle indicazioni e delle esigenze fornite da quest'ultimo.

Nessun protocollo di trattamento, ma una terapia cucita sulla tua persona e sulle tue esigenze… la salute su misura per te!